Browse By

Raffaella Carrà, l’ultimo gesto di generosità prima di morire: “Siamo rimasti senza parole”

Raffaella Carrà

Il governatore della Misericordia ha rivelato l’ultima donazione top secret fatta da Raffaella Carrà poche settimane prima di morire.

Raffaella Carrà è stata una grande filantropa e una grande donatrice, ma forse per la sua straordinaria umiltà ha sempre preferito tenere i suoi gesti d’estrema generosità sotto il massimo riserbo. Poco tempo prima di scomparire (il 5 luglio scorso) la celebre conduttrice aveva deciso di donare la sua palestra di 160 metri quadrati a Porto Santo Stefano alla Confraternita di Misericordia, affinché la onlus potesse utilizzarla per le sue iniziative benefiche. A svelarlo è stato il governatore della Misericordia, che ha pubblicato un lungo post via social per esprimere la sua gratitudine verso la compianta conduttrice:

“Siamo rimasti senza parole, come senza parole è rimasto il mondo intero alla notizia della sua scomparsa. (…) Mi chiamò qualche giorno prima “Roberto, sono Raffaella ho pensato una cosa: vorrei donarvi un mio immobile che ho a Porto S. Stefano. Potrete farci le vostre attività…”. E io ancora senza parole. Tentai di ringraziarla…ma niente: non me lo permetteva. Ci avrebbe regalato un suo fondo di oltre 160 metri quadrati a Porto S. Stefano in Via Panoramica. Con Renato andammo a vederlo: un regalo grandissimo per il suo valore immobiliare”, si legge nel post condiviso dalla Confraternita di Misericordia.

Raffaella Carrà: l’ultima donazione

Per la sua proverbiale umiltà Raffaella Carrà aveva preferito non svelare pubblicamente le volte in cui aveva deciso di effettuare delle donazioni. L’ultima – avvenuta poco tempo prima che la malattia la strappasse alla vita – era avvenuta pochi mesi fa: a svelarlo è stato il Governatore della Misericordia, che in un lungo post via social ha confessato alcuni retroscena dell’episodio: dal suo incontro con la conduttrice nello studio di un notaio della Capitale al fatto che lei indossasse occhiali scuri e mascherina, forse anche per non lasciar trapelare che il male la stesse per portare via.

“In quell’incontro ebbi però uno strano presentimento; nonostante la sua dinamicità di sempre rimase con gli occhiali scuri e la mascherina ben messa: sembrava che volesse nascondere qualcosa…e forse, alla luce di questa tragedia, penso volesse tenere per se il suo brutto segreto e non mostrarlo a nessuno. Le donammo un quadro con uno scorcio bellissimo di Porto S. Stefano”, ha confessato Roberto Cerulli.

La donazione tenuta segreta

Il governatore della Misericordia ha rivelato anche che avrebbe chiesto alla conduttrice se poteva rendere pubblico il suo grande gesto di generosità con un comunicato, e che la sua risposta sarebbe stata negativa:

“Alla mia domanda: “Signora posso fare un piccolo comunicato per rendere pubblica questa donazione?”. “No Roberto, non è il momento….” E con il suo atteggiamento evasivo mi fece capire che avremmo dovuto aspettare un po’ a dirlo. Ed oggi riteniamo che quel momento si arrivato”, ha fatto sapere l’uomo nel suo comunicato.